“Altroconsumo” attacca il Tradamix: rispondiamo punto per punto – 02/08/2010

In pochi mesi “Altroconsumo” per ben due volte ha criticato apertamente il Tradamix mettendo in dubbio le proprietà dei suoi componenti. Da un lato sorprende tale accanimento (pochi integratori possono vantare la stessa rigorosa osservanza delle norme vigenti). Dall’altro ci offre l’opportunità di fornire, senza polemiche, interessanti approfondimenti.

Il Tradamix è un integratore alimentare! Lo abbiamo sempre scritto ovunque: nella confezione, nel sito, nei comunicati stampa… Non è, e non vuole essere, un farmaco di sintesi.

Per questo motivo sorprende il primo articolo pubblicato sul sito “Altroconsumo” che parla in maniera superficiale del Tradamix.

Il Tradamix non è una pillola da assumere un’ora prima del rapporto alla ricerca di una prestazione sessuale al di sopra della norma. L’espressione “Viagra naturale” è stata utilizzata da alcuni giornalisti per catturare l’attenzione dei lettori con un titolo d’effetto.

Il Tradamix è un prodotto composto da tre ingredienti naturali (tribulus terrestris, alga ecklonia bicyclis, glucosamina), che messi insieme a dosi ben definite, svolgono un’azione di sostegno alla funzione dell’apparato genito-urinario (con il suggerimento di un uso solo maschile).

Il posizionamento del Tradamix è sempre stato completamente diverso da quello di un farmaco sintomatico, che richiede particolare attenzione d’uso sia per le dichiarate molteplici pericolose incompatibilità con altri farmaci che per i tanti possibili effetti collaterali, oltre a necessitare di ricetta medica (1).

1. Il claim

Altroconsumo si appassiona all’argomento (sarà un caso?) tanto da scrivere un secondo articolo che enfatizza il cambio del claim e una modifica nella formulazione.

Il claim “tonico energizzante maschile” – inizialmente utilizzato nella fase di lancio – sebbene più consono al tipo di prodotto e alla sua funzione, non rientra nei claim previsti dal ministero della Salute per i componenti del Tradamix.

Per questo motivo l’azienda produttrice, di sua iniziativa e nel rispetto rigoroso delle restrittive norme sugli integratori alimentari, ha preferito cambiarlo con “favorisce la funzionalità dell’apparato genito-urinario” per rientrare nella lista dei claim consentiti.

2. Studi sul tribulus terrestris

Il tribulus terrestris, altro punto su cui si è focalizzata l’analisi critica del primo articolo di “Altroconsumo”, è uno dei tre componenti del Tradamix. È presente nella pillola rossa per la sua blanda stimolazione della produzione di testosterone, come provato su studi condotti sia sui primati che su conigli.

L’azione del tribulus è dovuta alla presenza di una sostanza chiamata protodioscina, una saponina steroidale che costituisce circa il 45% dell’estratto ottenuto dalle parti aeree del tribulus terrestris. La sostanza è in grado di incrementare la produzione endogena di testosterone, diidrotestosterone, ormone luteinizzante (LH), deidroepiandrosterone (DHEA) e deidroepiandrosterone solfato (DHEA-S).

Grazie a questi effetti, nell’animale da esperimento, si verifica un aumento della spermatogenesi e della frequenza di accoppiamenti. Nel coniglio in particolare è stato dimostrato che il composto stimola il rilascio di monossido d’azoto (NO) da parte dell’endotelio vasale dei corpi cavernosi esercitando così un effetto pro-erettile. Il meccanismo alla base di questo effetto sembra coinvolgere anche il pathway degli ormoni steroidei.

Sebbene nell’uomo la protodioscina sia utilizzata per il trattamento delle disfunzioni erettili, va sottolineato che la sua efficacia, con l’impiego del solo tribulus, non è stata ancora dimostrata (2,3).

Il primo articolo di Altroconsumo cita due studi.

  1. In uno studio condotto contro placebo su un gruppo di giovani volontari, sono stati rilevati i livelli serici di testosterone, androstenedione ed ormone luteinizzante dopo somministrazione di tribulus terrestris alle dosi di 10 e 20 mg/kg/die. Dopo 4 settimane di trattamento, tali valori sono risultati simili a quelli dei non trattati (4).

  2. Un ulteriore studio condotto contro placebo su 15 atleti ha dimostrato che l’assunzione per otto settimane di un prodotto a base di tribulus terrestris (3,21 mg/kg/die) non ha determinato differenze significative tra gli assuntori e i controlli (che assumevano placebo) sia per quanto riguarda la massa muscolare che la resistenza alla fatica (5).

Tali studi, noti a chi si occupa della materia, non hanno portato a risultati significativi in quanto peccano sia per impostazione che per eseguità del campione.

E’ risaputo, infatti, che il tribulus terrestris non innalza valori normali di testosterone, ma riesce a aumentare il testosterone solo in soggetti stressati e se questo è tendente verso il basso o al di sotto della norma. Svolge, quindi, un’azione adattogena che ci salvaguarda da pericolosi picchi ematici di testosterone oltre i limiti consentiti, come potrebbe verificarsi con l’impiego di sostanze di sintesi (6).

Per quanto riguarda il secondo studio sui 15 atleti facciamo notare che:

  • si è cercato di valutare la resistenza alla fatica e la massa muscolare (aspetti che non riguardano assolutamente il razionale dell’impiego del tribulus nel Tradamix)

  • la dose somministrata, pari a 256 mg. circa/die, è molto al di sotto della soglia di 750 mg. al dì necessaria per avere probabilità di efficacia ormonale del tribulus

  • l’eseguità del campione (15 casi) non consente conclusioni significative dal punto di vista statistico.

La variabilità delle ricerche è spiegata dal fatto che tanto minore è il livello di testosterone libero e tanto più il tribulus sembra funzionare.

Per completezza di informazione segnaliamo anche che:

  • uno studio cinese condotto su 406 pazienti affetti da angina pectoris ha dimostrato che la protodioscina può essere utile nel trattamento di questa patologia cardiaca grazie ai suoi effetti coronarodilatatori (7)

  • il consumo di estratti di tribulus terrestris può ridurre in maniera significativa i lipidi e contrastare il danno da disfunzione endoteliale vasale causato dall’iperlipidemia indotta sperimentalmente nel coniglio (8).

3. Effetti collaterali

I tre componenti del Tradamix sono stati selezionati e impiegati a dosaggi definiti frutto di un preciso razionale scientifico e di un lungo periodo di sperimentazione. Sia il razionale del prodotto che i risultati ottenuti sono stati presentati a importanti congressi scientifici internazionali di urologia, andrologia e sessuologia (9-13).

Fino ad oggi, a parte l’efficacia del composto non sono stati segnalati effetti collaterali di nessun tipo su centinaia di soggetti che hanno assunto l’integratore così come nessun tipo di effetto collaterale è riportato nelle decine di studi presenti in letteratura scientifica condotti sui singoli componenti (tribulus terrestris, alga ecklonia e glucosamina).

Ciò non significa che non ne possano essere evidenziati in futuro in quanto le sostanze naturali non sono certo prive di efficacia chimica o possibili interazioni con altri integratori o con farmaci per cui va sempre posta attenzione (e ogni effetto secondario va segnalato al proprio medico curante).

4. Formulazione: Alga ecklonia bicyclis o alga ecklonia cava?

Per quanto riguarda il cambio della formulazione segnalato nel secondo articolo (“… si aggiunge una nuova alga l’ecklonia bicyclis, che sostituisce l’alga ecklonia cava”) è stato condizionato dal fatto che in Italia, a causa di una vecchia normativa in corso di rivisitazione da parte della comunità europea, l’alga ecklonia cava (accettata nella maggior parte dei paesi del mondo e approvata anche dalla FDA statunitense) non è al momento inserita nella lista delle piante ammesse e viene considerata un “novel food”.

In realtà le due alghe sono praticamente equipollenti (come si legge nella relazione del Professor della Loggia) e si differenziano:

  • per una diversa profondità di crescita (nelle stesse acque)

  • per una probabile azione antiossidante più spiccata nella bicyclis.

Tale sostituzione è stata quindi a tutto vantaggio del prodotto.

5. Costo del Tradamix

Per il particolare contesto determinato dalla situazione normativa italiana:

  • il Tradamix, oggi, può vantare la presenza di alga ecklonia bicyclis pura (contenuta alla dose di 150 mg. concentrati!)

  • la raccolta nei mari viene effettuata manualmente in maniera selettiva (le alghe vivono nello stesso habitat), solo per preparare il composto costituente del Tradamix.

Questi sono due fattori importanti per spiegare anche il costo del prodotto più alto rispetto a quello di altri integratori presenti sul mercato.

Conclusioni

Invitiamo quindi i giornalisti intenzionati ad occuparsi dell’argomento a documentarsi attentamente e a chiederci eventualmente ulteriori informazioni. Diffondendo pretestuosamente notizie non supportate da una attenta valutazione scientifica (magari frettolosamente raccolte su Internet) si corre il rischio di “demonizzare” un prodotto a favore di altri che non sempre hanno alle spalle un’approfondita ricerca scientifica e un team di professionisti con pluriennale esperienza specifica sull’argomento.

Bibliografia

1. Alexander Tsertsvadze, Fatemeh Yazdi, Howard A. Fink, Roderick MacDonald, Timothy J. Wilt, Anthony J. Bella, Mohammed T. Ansari, Chantelle Garritty, Karla Soares-Weiser, Raymond Daniel, Margaret Sampson, and David Moher . Oral Sildenafil Citrate (Viagra) for Erectile Dysfunction: A Systematic Review and Meta-analysis of Harms. UROLOGY 74 (4), 831-836. 2009.

2. GAUTHMAN K, ADAIKAN PG, PRASAD RN. Aphrodisiac properties of Tribulus terrestris extract (protodioscin) in normal and castrated rats.

Life Sci. 2002; 71: 1385-1396.

3. ADAIKAN PG, GAUTHAMAN K, PRASAD RNV, NG SC. Proerectile pharmacological effects of Tribulus terrestris extract on the rabbit corpus cavernosum. Ann Acad Med Singapore. 2000; 29: 22-26.

4. NEYCHEV VK, MITEV VI. The aphrodisiac herb Tribulus terrestris does not influence the androgen production in young men. J Ethnopharmacol.

2005; 101: 319-323.

5. ANTONIO J, UELMEN J, RODRIGUEZ R, EARNEST C. The effects of Tribulus terrestris on body composition and exercise performance in resistance-trained males. Int. J Sport Nutr Exerc Metab. 2000; 10: 208-215.

6. Gauthaman K et al:The hormonal effect of Tribulus terrestris and its role in the management of male erectile dysfunction: an evaluation using primates, rabbit and rat. Phytomedicine. 2008, 15:44-54

7. WANG B, MA L, LIU T. 406 cases of angina pectoris in coronary heart disease treated with saponin of Tribulus terrestris. Zhong Xi Yi Jie He Za Zhi. 1990; 10: 85-87.

8. TUNCER MA, YAYMACI B, SATI L, CAYLI S, ACAR G, ALTUG T, DEMIR R. Influence of Tribulus terrestris extract on lipid profile and endothelial structure in developing atherosclerotic lesions in the aorta of rabbits on a high-cholesterol diet. Acta Histochem. 2009; 111: 488-500.

9. Iacono F., Prezioso D., Iapicca G., Taglialatela D., Ruffo A. Evaluating the efficacy in improving male sexual function with a new natural compound made of Tribulus Terrestris, Biovis and Alga Ecklonia and its synergic anti-aging action. 7th Men’s Health World Congress . Nice . JMH vol.7, n.3, pp 282-351, oct. 2010

10. Iacono F., Prezioso D., Iapicca G., Taglialatela D., Ruffo A. and Miclavez A.: Saponins, Phlorotannins and Glycosamine contained in Tribulus Terrestris, Biovis and Alga Ecklonia in the treatment of Erectile Dysfunction : A Preliminary Study. Eur.Journ.Sexuology and Sexual Health

Vol.19.Suppl.1 . 2010.

11. Iacono F., Prezioso D., Iapicca G., Taglialatela D., Ruffo A.: Treatment of Erectile Dysfunction with a New Natural Drug Composition Based on Tribulus Terrestris, Biovis and Alga Ecklonia in 82 Patients. SIU World Meeting Lower Urinary Tract Dysfunction. Acts Paper n. 238 . October 13-16, 2010 Marrakech, Morocco.

12. Iacono F., Prezioso D., Iapicca G., Ruffo A., Di Lauro G., Romis L.: Treating erectile dysfunction with a new natural compound made of alga ecklonia , Tribulus Terrestris and Biovis and its antioxidant, antifibrotic and antiaging action. J.Sex.Med. 7(suppl 6) : 403-464 . 2010

13. Iacono F., , Prezioso D., Taglialatela D. , IapiccaG. ,Di Lauro G. ,Ruffo A. Efficacia e sicurezza di un nuovo composto a base di Tribulus Terrestris, glucosamine ed alga ecklonia per il trattamento della disfunzione erettile. Atti XXVI Congresso Nazionale della Società Italiana di Andrologia. Roma . 25-27 nov. 2010. Poster n. 70.